Manuali, links, fotografie e tanto altro
alla portata di un semplice click!
 
 Benvenuto Ospite
Manuali, immagini, fotografie e tanto altro a portata di un click

Cartoline virtuali

Cartolina n° 485



Sono presenti 1307 cartoline virtuali. Entra ora


Giochi online
Goblin Space


1. ermesiti: 160
2. Daygo: 146
3. barone400: 139

Visualizza tutti i giochi.

News Reader















Venerdì, 25 Luglio 2008 - 09:02 - 2514 Letture
Tutto ciò che riguardail mondo di Internet La salute dell'amministratore delegato di Apple, Steve Jobs, preoccupa gli operatori di settore convinti che il successo della società sia indissolubilmente legato al suo fondatore.

Ma Jobs, operato quattro anni fa di cancro al pancreas, rassicura: secondo indiscrezioni riportate dalla stampa americana, l'amministratore delegato di Apple avrebbe riferito al board di aver superato la malattia, anche se ha ancora problemi nutrizionali che lo portano, talvolta, a brusche perdite di peso. La salute di Jobs ha iniziato a preoccupare gli operatori quando, lo scorso mese, videro il fondatore della Apple che presentava il nuovo iPhone visibilmente provato e dimagrito. Nel corso della conference call seguita alla presentazione dei risultati trimestrali, gli analisti hanno espresso la propria preoccupazione sulla salute di Jobs. Il direttore finanziario, Peter Oppenheimer, si è limitato a rispondere: «Steve ama la Apple. Non ha intenzione di lasciare Apple. La sua salute è un fatto privato».

LA REPLICA - La risposta, però, come riporta tra gli altri il Financial Times, non convince gli analisti di settore. Soprattutto perchè un'eventuale malattia di Jobs potrebbe avere un impatto negativo sulla società, che ha comunque bisogno di una guida forte soprattutto dopo i cali in Borsa dell’ultimo periodo. Da maggio a oggi il titolo ha perso il 13% del suo valore, ben l’11% dalla conferenza annuale di giugno. «Se Jobs voleva che il suo stato di salute fosse un affare personale doveva togliere dal listino la Apple e renderla privata» spiega al quotidiano britannico Andrew Hargraves, analista della Pacific Crest securities. «Quando Warren Buffet si fece una colonscopia egli ne parlò con tutti e rese poi pubblici i risultati», sottolinea Steve Wallman a capo del Fondo di investimenti Wallman limited partnership. In ogni caso quello su cui tutti gli analisti sono d'accordo è che l'eventuale malattia di Jobs non può non avere una ricaduta sul corso azionario del titolo. «L'impronta di Jobs è su tutta la sua società inoltre lui è una figura pubblica» dichiara all'International Herald Tribune A. M. Sacconaghi jr analista della Sanford C. Bernstein. Per il giornale americano in ogni caso la Apple avrebbe già pronta una strategia di successione da utilizzare per tutte le evenienze.

Note: http://www.corriere.it/economia/08_luglio_24/ apple_steve_jobs_salute_c7021238-5963-11dd-94cb-00144f02aabc.shtml
 
Link correlati

Vota l'articolo
Questo articolo non è stato votato


Login/crea un profilo | 0 Commenti
I commenti sono di proprietà dei legittimi autori, che ne sono anche responsabili.
Network: Cartoline virtuali - Calendari - Modelle - Playmates - Sfondi - Forum - Old SecurityNews - Warez